La Wicca Celtica

La Wicca Celtica è una tradizione della Wicca che fa uso di un linguaggio tipicamente celtico per esprimere la teologia wiccana. La Wicca così come fondata daGerald Gardner nel 1954 — che si conserva oggi nel Gardnerianesimo e in generale nella Wicca Britannica Tradizionale — presentava caratteristiche chiaramente ispirate alla tradizione celtica. I wiccani celtici accrescono l'importanza di tali caratteristiche e venerano le divinità celtiche. In particolare associano la Dea archetipale della Wicca mainstreama Morrígan (la Dea Triplice degli Irlandesi), il Dio archetipale a Lug o Cernunno, e il Primum Movens che i wiccani generici chiamano Dryghten al Dagda irlandese. La tradizione wiccana celtica è un sistema wiccano (come specifica il nome stesso), non è il ricostruzionismo della religione celtica storica. Quindi non va confuso con il Celtismo, il movimento neopagano che intende rappresentare la ricostruzione accurata del paganesimo celtico così come era nell'antichità. È da notare come tra la Wicca Celtica e il Celtismo intercorrano profonde differenze ideologiche e dottrinali.



La dottrina della Wicca Celtica non è diversa da quella della Wicca mainline. Ciò che caratterizza i wiccani celtici è il loro uso delle divinità celtiche per esprimere la teologia wiccana. I wiccani celtici pensano all'universo in modo panteistico: lo fanno coincidere con il Dagda, il principio di tutte le cose, energia di cui la materia consta. Il Dagda è un concetto di origine irlandese, ed equivale al Primum Movens, quello che i wiccani generici chiamano Dryghten. Il Dagda corrisponde alla natura, ed è percepito dai sensi umani in una dualità, il Dio e la Dea, che i wiccani celtici concettualizzano attraverso le figure diMórrígan (la Dea Triplice irlandese) e Lug (o Cernunno). Il Dio è la fase attiva e ingravidante del Dagda, mentre la Dea è la sua funzione passiva e gestante. Dal concatenarsi di questi due principi, che sono complementari, scaturisce l'esistenza (in natura nulla esisterebbe se non sussistesse differenza tra giorno e notte, luce e buio, amore e odio, piacere e dolore, e se questi non si intrecciassero e alternassero). Ogni divinità della tradizione celtica è considerata espressione di Mórrígan e Lug (o Cernunno), secondo l'idea teologica wiccana tutti gli dèi sono un Dio e tutte le dee sono una Dea. La soteriologia wiccana celtica si basa sulla reincarnazione, spesso accompagnata dal concetto illuminazionistico della Terra dell'Estate. Questa simboleggia lo svincolo dal ciclo delle reincarnazioni e la totalizzazione nel Dagda, e si realizza se l'uomo, nelle sue vite sensibili, matura e vive in armonia con il Dagda stesso (la natura). Il che significa anche seguire i codici etici del Rede e della Legge del Tre.

Riferimenti
Elzbeth Oktober. Moonshadows: Chants for Celtic Wicca. Elzbeth MacIain, 2006.
Knight. Celtic Traditions: Druids, Faeries, and Wiccan Rituals. Citadel, 2000. ISBN 080652135X
Jane Raeburn. Celtic Wicca: Ancient Wisdom for the 21st Century. Citadel, 2001. ISBN 0806522291
Ly De Angeles. When I See The Wild God: Encountering Urban Celtic Witchcraft. Llewellyn Publications, 2004. ISBN 0738705764
Joanna Hautin-Mayer. When is a Celt Not a Celt?. The Library.
fonte Esopedia