sabato 19 gennaio 2013

Modern Witch League © 6#: Pagan Path Project © - "Il tuo Specchio"

* Il tuo Specchio - un'immagine riguardante il percorso, o una che richiama una sensazione / emozione relativa alla tua spiritualità, sul lavoro di strega ecc.. Insieme a una o due frasi che descrivono l'immagine.

(#Senza titolo)  - i diritti delle immagini segnate e del testo sono riservato, è vietata qualsiasi riproduzione senza il consenso dell'autrice



Ecco la mia culla
Il mio nido, 
la mia vera casa.
prendo una boccata d’aria,
sembra di ispirare libertà.
Quante volte ho sperato in tutto questo?
Intorno a me
C’è il tutto


Guardo  l’increspatura dell’onda
e sono una cosa sola con l’acqua.
Nel mio profondo, qualcosa
Si muove con eleganza,
Mentre mi appoggio 
al terreno
e da tanto lo amo
ne prendo la formar perfetta
sempre di lui gravida.
Sulla superficie una brezza
sussurra….


Improvvisamente
Sono diventata cielo
Arrivo ovunque in un solo attimo
Potrei scatenare la mia furia
O solo stare a guardare le nuvole,
soffici come un sogno
mi portano via
come la ninna nanna cantata
da un amante
e tutte si protendono
verso il sole
che tramonta
in ogni modo cercano
di farsi baciare
dalla sua forza.
Una voce
Adesso mi attira…

Ecco
Che sono tramutata
In quella stessa fiamma.
Nelle estremità provo tanta potenza
Da distruggere il tutto
Ma so che non è per questo che sono nata.
Con amore rilascio
La mia magia
A tutte quelle piccole creature
Che non si stancano mai
Di cantare il mio nome.
Di nuovo qualcosa sta cambiando…


Metto il naso all’insù,
No n sono più in cielo,
Ma salda a terra,
gettando le braccia nell’azzurro
tenendomi a lui aggrappata
sperando che prima o poi mi sollevi a sé.

Il sole è ormai calato 
Tanti desideri
Punteggiano il cielo
Ogni cosa
Si confonde
Tutto sembra
Sfocare
Di fronte a tale visione

E la più bella di tutte 
Ora si mostra
Il suo magnifico volto sembra
Sorridere al mondo
Le sue labbra sottili si schiudono
In un materno sorriso
E mi pare mormori
“benvenuta”

Quel suono mi da un brivido
Ancora una volta
La mia forma muta…


Sono donna 
Ora
In me palpitano
Emozioni
Che non so descrivere
In questo luogo non esistono
Parole
Dal significato abbastanza grande.
Sento la vita 
scorrermi dentro
sento in me il potere
di cambiare
la sorte.

E il resto
Non ha più importanza
Finalmente sono arrivata 
A casa


C’è un tonfo vicino a me
Apro di colpo gli occhi.

Tutto svanisce
E sono rinchiusa
Nelle quattro mura
Di queste insignificanti 
Responsabilità

Il tempo corre
Non c’è abbastanza spazio
Per imparare
Ad essere
Ogni cosa
In armonia

Un urlo in gola
Sta per esplodere
Ridatemi la mia dimora!

Verrà il giorno 
In cui mi libererò
Di queste pesanti catene
E tornerò
A casa
Luna
Madre mia.

Come le prime tre immagini, anche questa poesia è di mia creazione. L'ho scritta in un momento per me molto difficile, in cui al contempo sentivo forte accanto a me la presenza della Grande Madre.

Nessun commento:

Posta un commento

Desclamier!

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge N°62 del 07/03/2001.
Rare immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione.
L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...