Lunario di Febbraio 2018


Nell’anno 2018 il mese di febbraio è anomalo sul calendario lunare: a differenza di quello che succede solitamente all’interno del mese non ci sarà nessun plenilunio. Il calendario che utilizziamo è stato costruito sulla base delle fasi lunari ma tra la convenzione umana e quello che accade in natura ci sono lievi discrepanze, per cui non sempre il mese contiene un intero ciclo del satellite. La luna piena cade il 31 gennaio, quella successiva il 2 marzo 2018.
Per l’agricoltore febbraio è un mese importante, soprattutto nel frutteto: si approfitta del riposo vegetativo per molte operazioni di messa a dimora e di potatura. Nell’orto invece il grosso del lavoro è più spostato verso la primavera, a partire da marzo, non mancano comunque le cose da fare.


Le semine del mese. Febbraio è un mese in cui si inizia a seminare per bene nel semenzaio, mentre all’aperto sono pochi gli ortaggi in grado di sopportare le ultime gelate dell’inverno.
Febbraio è un mese freddo dell’inverno e l’orto non offre molto da fare in campo, se intendiamo i lavori di coltivazione da svolgere all’aria aperta. Può essere opportuno lavorare il terreno per prepararlo alle semine di marzo, anche se spesso le gelate rendono duro il lavoro di vangatura, per chi li ha coltivati possono esserci sono alcuni ortaggi invernali da raccogliere.
Nel sud Italia sicuramente ci sarà più lavoro da fare perché il clima primaverile arriva con anticipo, mentre per chi vive al nord il mese di febbraio è ancora pieno inverno. C’è invece lavoro nel semenzaio, al riparo si possono seminare gli ortaggi primaverili da trapiantare nell’orto ad aprile.
La preparazione del terreno per la primavera Una vangatura può essere utile per preparare il terreno per l’orto, che entrerà nel vivo in primavera. Bisogna però tener conto che se il suolo è gelato o troppo bagnato non si può lavorare, per questo in genere la lavorazione risulta più agevole verso fine mese in genere la preparazione del terreno, quando arrivano temperature più miti, mentre chi coltiva in montagna o nell’Italia settentrionale potrebbe dover aspettare il mese di marzo. Quando il clima lo consente si può procedere a ripulire le aiuole dell’orto da erbacce e sassi. vangare, eventualmente interrando letame o compost. In questo momento è utile anche pensare a vialetti e canali di scolo, impostando l’orto. In primavera avremo così un terreno organizzato e ben lavorato, pronto per la semina.
Le semine di febbraio e la progettazione dell’orto Se le temperature non consentono molte semine dirette, a febbraio si inizia a seminare in seminiera. Al riparo si preparano le piantine che in primavera verranno messe a dimora nel nostro orto, il letto caldo o l’ambiente riscaldato consentono ai semi di germinare, anticipando un poco le tempistiche naturali. In questo mese quindi si inizia a impostare il progetto di cosa coltivare, scegliendo gli ortaggi e programmando trapianti e raccolte. Per questo è utile dare quindi un’occhiata al calendario e decidere come disporre le aiuole dell’orto.
Febbraio prima di tutto è il mese dell’aglio, che si semina direttamente in pieno campo, collocando i bulbilli a punta in su nel terreno ben lavorato. Anche le cipolle primaverili possono esser messe a dimora nel nostro orto in questo periodo. Volendo seguire il calendario lunare si dice che gli ortaggi da bulbo vadano piantati in luna calante, quelli da frutto con la luna crescente, secondo la tradizione contadina.
Per il resto siamo ancora in un mese invernale, in cui non c’è molto altro che possa essere piantato direttamente all’aria aperta, mentre ci sono diversi ortaggi che si possono far sviluppare in coltura protetta, sotto serre a tunnel o dove l’inverno non è troppo rigido riparando con il tessuto non tessuto.
Le semine di febbraio sono molto importanti in semenzaio se si vogliono avere le piantine pronte da trapiantare per la primavera. Alcune orticole da frutto in particolare, come i peperoncini piccanti, richiedono un lungo periodo di caldo per maturare e trovano particolare beneficio nella semina anticipata.
Grazie al lavoro nel semenzaio il calendario delle semine di febbraio è piuttosto ricco di ortaggi, dalla semina di questo mese e da quella di marzo si determina molto del raccolto futuro.
Raccogliere gli ortaggi invernali Il calendario delle raccolte vede anche a febbraio la possibilità di cogliere alcuni ortaggi invernali come crucifere (cavoli), radicchio, spinaci o porri.
Altri lavori Febbraio può essere anche il mese giusto per realizzare un piccolo tunnel freddo: è utile a riparare le colture dal freddo e può permettere di guadagnare qualche grado e di conseguenza di allungare il periodo di coltivazione di molti ortaggi.
Altra attività a cui dedicarsi nei mesi invernali è la manutenzione degli attrezzi, di eventuali capanni, compostiere e recinzioni. Quando poi si entrerà nel vivo gli altri lavori agricoli difficilmente lasceranno tempo per farlo.