Astragalomanzia - Divinazione

Si tratta di una pratica divinatoria che pare risalire all'Antico Egitto, e di cui sono state elaborate diverse varianti. Si basa sull'interpretazione del lancio di strumenti simili a dadi, anticamente fatti di osso ('astràgalos', in greco).
Il metodo che vi riporto qui consiste nell'uso di tre dadi di tre colori diversi (tradizionalmente rosso, bianco e verde). Ad ogni numero corrisponde un'immagine simbolica dal proprio significato.


  • DADO ROSSO

1. Tela del ragno. Un amico infedele e un pericolo imminente, un illusione nella quale si rimane intrappolati. La causa del problema potremmo essere noi stessi;
2. Testa del morto. cambiamento improvviso e sorprendente, forse la morte di una persona cara o a noi vicina o di un progetto, a cui comunque seguirà qualche tipo di rinascita;
3. Nave. Cambiamenti e nuove iniziative, buon presagio;
4. Buona fortuna. Rinascita di  imprese apparentemente impossibili, buonissimo presagio;
5. Scarabeo. Connesso al sole, nascita, rinascite, intorno alla vita;
6. Pipistrello. Ciò che va oltre la nostra comprensione, il fattore del caos e dell’ignoto che in origine non è ne positivo né negativo.


  • DADO BIANCO

1. L’astro primigenio. Favorisce successi e conquiste;
2. Cicogna. Progetti e maturazione;
3. Fanciulla alla finestra. Felicità in amore;
4. La spada. Tranelli, difficoltà notevoli;
5. Gatto. Invito a scrollarsi da una situazione pesante;
6. Bivio. Occorre una riflessione.


  • DADO VERDE

1. La lumaca. Autosufficienza:
2. Fulmine. Trionfo rapido, conquista della libertà;
3. La scala. Ascesa;
4. Talismano. Osservazione di ciò che ci circonda;
5. La coppa. Situazione gioiosa;
6. Frutteto. Espiazione delle colpe.


Fonti
G. Berti, Storia della Divinazione
R. La Paglia, La Divinazione